domenica 26 febbraio 2017

Comunicato BDS Roma a proposito della XIIIª Settimana Internazionale di Solidarietà con il popolo palestinese e contro l'apartheid israeliana

Inviamo per conoscenza il comunicato di oggi di BDS Roma a seguito delle menzogne che girano sull'iniziativa, sulla relatrice Ann Wright e sul movimento BDS e delle pressioni sulla Sindaca perché neghi gli spazi per l'incontro.

Invitiamo alla massima diffusione e partecipazione all'iniziativa.

 

Comunicato stampa

Perché non si vuole che l'ex diplomatica USA Ann Wright parli dei diritti dei palestinesi in Campidoglio?

Il 28 febbraio prende avvio a Roma la 13esima edizione della Settimana internazionale contro l’Apartheid israeliana, iniziativa che si svolge in centinaia di città in tutto il mondo per sensibilizzare il pubblico sulle politiche israeliane di occupazione e di colonialismo di insediamento.

La settimana comincia con un’iniziativa di rilievo, “Gaza: Rompiamo l’Assedio”, che vede la partecipazione di Ann Wright, già colonnella nell’esercito degli Stati Uniti e diplomatica presso varie ambasciate statunitensi (biografia di seguito). L’incontro avrà luogo nella Sala della Piccola Protomoteca in Piazza del Campidoglio, martedì 28 febbraio, ore 17. Porterà un saluto il consigliere comunale di SI Stefano Fassino.

L’iniziativa del 28 febbraio rappresenta una straordinaria occasione per sentire le testimonianze di Ann Wright, che è stata a Gaza sette volte e ha partecipato alla Gaza Freedom Flotilla nel 2010 quando nove attivisti furono uccisi dalle forze militari israeliane, e per conoscere le condizioni della popolazione che a Gaza vive sotto assedio da dieci anni ed è soggetta a ripetuti attacchi militari.

Anche questa volta, come da copione, da ieri girano appelli rivolti alla Sindaca Virginia Raggi e alla Giunta capitolina affinché siano negati gli spazi per l’iniziativa. Ormai da anni, e non solo in Italia, l’ambasciata israeliana tenta di bloccare le iniziative volte a far conoscere la realtà del popolo palestinese e le azioni della società civile internazionale a sostegno dei suoi diritti. Non avendo argomenti per giustificare decenni di occupazione militare e le numerose e ampiamente documentate violazioni dei diritti del popolo palestinese, ricorre a false e calunniose accuse come quella dell’antisemitismo.

Confidiamo che la Sindaca e la giunta, che sono invitate a partecipare, vogliono garantire gli spazi per un dibattito aperto e in difesa della libertà di espressione.
BDS Roma

Ann Wright
Biografia di Ann Wright: È stata colonnella nell’esercito statunitense, dove ha prestato servizio per 29 anni. Successivamente ha fatto parte del corpo diplomatico per 16 anni nelle ambasciate statunitensi di Nicaragua, Grenada, Somalia, Uzbekistan, Kyrgyzstan, Sierra Leone, Micronesia, Afghanistan e Mongolia. Si è dimessa dal governo degli Stati Uniti nel 2003 alla vigilia della guerra contro l’Iraq, in segno di protesta contro l'aggressione militare. Da allora è impegnata contro la guerra e l’ingiustizia. È co-autrice del libro “Dissent: Voices of Conscience” sui funzionari governativi che si sono dimessi per protestare contro le politiche di guerra del proprio governo. Ann Wright è stata sette volte a Gaza e ha partecipato più volte alle flottiglie per Gaza, tra cui la Gaza Freedom Flotilla nel 2010, quando nove attivisti sono stati uccisi dalle forze militari israeliane, e la Barca delle Donne nel 2016.

Organizza BDS Roma: Sezione romana del movimento nonviolento per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni nei confronti di Israele lanciato nel 2005 da 170 organizzazioni della società civile palestinese. Il movimento BDS si ispira all’analogo movimento contro l’apartheid in Sudafrica. Il movimento BDS fonda la sua lotta sul rispetto del diritto internazionale e sulla tutela dei diritti umani universali. È contro ogni forma di discriminazione razziale, politica, religiosa e di genere e rifiuta l’antisemitismo, il razzismo, l’islamofobia e ogni ideologia fondata su presunte supremazie etniche o razziali. Sostengono il movimento BDS personaggi come l’arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, il premio Pulitzer Alice WalkerRoger Waters dei Pink Floyd, il compositore Brian Eno, tra gli altri. In Italia aderiscono al BDS numerose associazioni tra cui il sindacato FIOM CGILPax Christ, l’Ong Un ponte per…, e la Rete Ebrei contro l’occupazione.

Post Scriptum

 Han calato le brache: anche i rivoluzionari del m5s!
Da riflettere.

La prima domanda che ogni cittadino italiano deve farsi è questa:
• è l'Italia un Paese sovrano?
• e se, come parrebbe, l'Italia non è un Paese sovrano, allora i nostri parlamentari e i nostri consiglieri comunali al Campidoglio chi rappresentano?
• Di chi fanno gli interessi?
• Chi comanda in Italia?  
* * *

Confermiamo l'appuntamento di domani, 28.02, con Ann Wright, perché non si può sospendere la solidarietà!

Chiediamo la massima diffusione e partecipazione. 
BDS Roma

Fassina e il Campidoglio non possono sospendere la solidarietà con la Palestina 

Confermato l’incontro “Gaza: Rompiamo l’assedio” con Ann Wright nella Sala della Piccola Protomoteca

Per domani 28 febbraio, il movimento BDS Roma ha organizzato alle ore 17 nella Sala della Piccola Protomoteca in Campidoglio l’incontro “Gaza: Rompiamo l’Assedio”, con la partecipazione di Ann Wright, già colonnella nell’esercito e membro del corpo diplomatico degli Stati Uniti, per testimoniare le condizioni della popolazione di Gaza che vive sotto assedio da 10 anni. 
Ciò è bastato per provocare l’astiosa reazione dell’ambasciata israeliana e di una parte della Comunità Ebraica italiana e romana, che sono riuscite a far sospendere l’incontro lanciando accuse infamanti e calunniose nei confronti del movimento, addirittura di sostegno al terrorismo.
Siamo fortemente indignati per le accuse infondate che ci sono state mosse, soprattutto quelle di razzismo e antisemitismo, visto che il nostro è un movimento inclusivo e tra le nostre file ci sono molti ebrei, ma siamo ancora più delusi dall’accondiscendenza di una certa Sinistra Italiana.
È ormai prassi che in Italia, e non solo, si facciano sistematicamente tacere le voci critiche nei confronti di Israele e questo sta creando un gravissimo vulnus alla libertà di espressione e di parola.
Poiché non intendiamo rinunciare all'opportunità di ascoltare Ann Wright su quanto succede a Gaza, confermiamo l’appuntamento alla Sala della Piccola Protomoteca, e invitiamo a parteciparvi tutti coloro che sostengono i diritti umani, i consiglieri che non ci conoscono e la stampa.
BDS Roma

3 commenti:

roberto ventrella ha detto...

si potrebbe fare l'incontro a Napoli che certo non lo rifiuterebbe...

roberto ventrella ha detto...

napoli non rifiuterebbe l'incontro BDS. De Magistris è sensibile alla posizione palestinese.

Daniele Simonazzi ha detto...

Massima stima per il professor Caracciolo continui a informare prima o poi il popolo si svegliera'.I veri padroni sono scaltri xche' se non si accede a internet e' difficile sapere LA verita'.io purtroppo ho trovato LA risposta : sono gli EB... 100% senza se e senza ma .LA chiesa cattolica per 1960 anni ce lo ha detto ,fior di scrittori( vedi Celine " Bagatelle"PDF )a prodigarsi ma noi popolo niente duri a non volerci credere e ora paghiamo