lunedì 24 settembre 2007

=Il caso Jürgen Graf

Versione 1.2

Jürgen Graf è uno storico svizzero cinquantaseienne. Dopo aver studiato filologia presso l'Università di Basilea, sua città natale, ed aver imparato diverse lingue tra cui inglese, francese e idiomi scandinavi, Graf ha a lungo lavorato come insegnante di latino e francese. Nel 1991 venne a conoscenza del revisionismo storico olocaustico: l'interesse fu tanto che fece della persecuzione antiebraica degli anni '40 il suo campo di studi privilegiato, pubblicando numerose opere scientifiche negli anni seguenti (per l'esattezza: cinque da solo e tre assieme a Carlo Mattogno). Purtroppo per lui, i suoi studi non sono piaciuti al regime svizzero: nel marzo 1993 (dopo l'apparizione del suo Der Holocaust auf dem Prüfstand) è stato licenziato dal lavoro e nel 1998 incriminato insieme al suo editore, Gehrard Förster, per reato d'espressione. Nel luglio di quell'anno la corte lo condannò a 15 mesi di prigione più una cospicua multa (e, come conseguenza indiretta, la perdita anche del suo nuovo impiego, quello d'insegnante di tedesco presso un prestigioso istituto privato). Per sfuggire all'ingiusta pena e poter proseguire nelle sue ricerche, nell'agosto 2000 Graf ha scelto l'esilio, dapprima in Iràn, poi in Bielorussia ed ora a Mosca, dove ha conosciuto e sposato sua moglie (una storica bielorussa) e lavora come traduttore. Tuttavia, l'attuale condizione economica dello studioso svizzero in esilio è assai critica.

Le sue opere sono state pubblicate, oltre che in tedesco, anche in francese, spagnolo, olandese, bulgaro, italiano, russo e arabo. Nel dicembre 1994 il Ministero degl'Interni francese (retto allora da Charles Pasqua, politicante coinvolto in numerosi scandali di corruzione: Angolagate, affaire Sofremi, affaire Annemassi casino ecc.) mise al bando la sua opera L'Holocauste au scanner, la cui edizione russa (riveduta ed ampliata) ha raggiunto però le 200.000 copie vendute.

Questo l'elenco delle opere finora pubblicate dallo storico svizzero:


- Jürgen Graf, Der Holocaust-Schwindel: von Werden und Vergehen des Jahrhundertbetrugs, Guideon-Burg-Verl., Basel 1992

- Jürgen Graf, Der Holocaust auf dem Prüfstand: Augenzeugenberichte versus Naturgesetze, Burg, Basel 1993 (versione riveduta e corretta; la prima edizione è del 1992)

- Jürgen Graf, Auschwitz: Tätergeständnisse und Augenzeugen des Holocaust, Verl. Neue Visionen, Würenlos 1994

- Jürgen Graf, Todesursache Zeitgeschichtsforschung, Verl. Neue Visionen, Würenlos 1995

- Jürgen Graf, Das Rotbuch vom Untergang der schweizerischen Freiheit: eine Momentaufnahme der politischen und wirtschaftlichen Situation der Schweiz zu Anfang, Verl. Neue Visionen, Würenlos 1996

- Jürgen Graf und Carlo Mattogno, KL Majdanek: eine historische und technische Studie, Castle Hill Publ., Hastings 1998

- Jürgen Graf, Riese auf tönernen Füßen: Raul Hilberg und sein Standardwerk über den “Holocaust”, Castle Hill Publ., Hastings 1999

- Jürgen Graf und Carlo Mattogno, Das Konzentrationlager Stutthof und seine Funktion in der nationalsozialistichen Judenpolitik, Castle Hill Publ., Hastings 1999

- Carlo Mattogno und Jürgen Graf, Treblinka: Vernichtungslager oder Duchgangslager?, Castle Hill Publ., Hastings 2002


Fonti:

Voce “Jürgen Graf” in “Wikipedia” edizione inglese

Voce “Jürgen Graf (Geschichtsrevisionist)” in “Wikipedia” edizione tedesca

Voce “Граф, Юрген” in “Wikipedia” edizione russa

Voce “Jürgen Graf” in “Revisionists.com”

Katalog der Deutschen Nationalbibliothek

Nessun commento: